domenica 27 dicembre 2009

La bambina e il corvo

Lasciando andare matita e colore...

venerdì 18 dicembre 2009

Un'altra tesserina...

Eccola, un'altra tesserina del progetto che mi sta divorando la mente in questi giorni mentre le mani sono occupate dai disegni (tanti...troppi...) piccoli, dettagliati, un po' noiosi della scolastica!!!

giovedì 17 dicembre 2009

Auguri...

...per un anno vivo, pieno di gioia, di colori, di progetti, di risate, di viaggi, di scoperte, di amicizia, di amore, di saggezza e di follia...

sabato 21 novembre 2009

Martina & Matteo


...i protagonisti del mio nuovo libro.
PUF PANT, sono al lavoro!!!
Il titolo è una sorpresa ma la penna, beh posso svelarvelo, è ancora una volta quella di Fulvia Degl'Innocenti!!!

venerdì 23 ottobre 2009

Machine à coudre...

...idee, frammenti, parole, visioni, ricordi, silenzi...

"Ero solo come un ombrello su una
macchina da cucire.
Dalle pendici dei monti Iblei,
a settentrione.
Ho percorso il cammino, arrampicandomi
per universi e mondi,
con atti di pensiero e umori cerebrali..."
(L'ombrello e la macchina da cucire - Franco Battiato EMI Records 1995)

sabato 10 ottobre 2009

venerdì 9 ottobre 2009

martedì 29 settembre 2009

Una domenica da...ILLUSTRATORI!!!

Servono altre parole??!!!!!
Chi si riconosce batta un colpo!!!!!
Come? Ah già, un indizio...siamo alla Feltrinelli di Via V.E. Orlando a Roma.
Più facile così?!!! Noooo?????
Ok, domenica 27 settembre ore 11.
E ora non ditemi che non vi riconoscete!!!!
Volevo dirvi...grazie a tutti!!!!

sabato 26 settembre 2009

Anna the Witch


Esce in questi giorni il terzo volume della serie "Anna the Witch".
Questi i titoli fino ad ora pubblicati:
The Witch Apprentice
The Witch in the Woods
A Witch in a Fix
Che divertimento illustrare queste storie!!!! Ragni, topi, occhi dispersi in cerca di padroni...altro che teneri coniglietti rosa...questa è vita per gli illustratori!!!!
Speriamo che la saga continui...
Incrocio le dita!!!! Fatelo anche voi ;))


sabato 19 settembre 2009

la Feltrinelli - Piazza Piemonte, Milano - domenica 20 settembre ore 11.00

Ecco il primo laboratorio dedicato a Rosabella. Dunque...ricapitoliamo: Rosabella è una principessa capricciosa, non sopporta complimenti e smancerie, non desidera essere la cocca di corte e soprattutto non vuole diventare la moglie di un principe. E’ ancora una ragazzina, ma ha le idee chiare: vuole realizzare il suo sogno!!!
Se vi trovate a passare di qui, non potete perdere il racconto spassosamente animato di Fulvia Degl’Innocenti e l'attività successiva e coloratissima che condurremo insieme a tutti i bambini..."come da un sogno può nascere un fiore...".
Età consigliata: da 5 anni

mercoledì 2 settembre 2009

No man's land


Devo a una carissima amica l'incontro con Nina Berberova. Era il mio compleanno. Mi regalò "Il male oscuro".
All' epoca studiava russo all'università e stava imparando a conoscere autori di cui io, seppur a Lettere, non avevo ancora mai sentito parlare: Hrabal, Čapek, Hašek e tutto uno stuolo di incredibili voci dell'est.

Anni più tardi è stato il suo Giunco mormorante (mi riferisco alla Berberova) a chiamarmi dallo scaffale di una libreria.
Non è la prima volta che mi capita... Fateci caso, i libri hanno una voce che chiama, bisogna solo essere pre-disposti ad ascoltarla e tendere l'orecchio. E così mi sono imbattuta nella consistenza scritta di quella che in me era solo una visione.

Nel corso degli anni ho fatto leggere queste parole a varie persone. Alcuni amici stretti con i quali condivido i ricordi, il tempo, le risate, la visione del mondo, altri con i quali semplicemente ed istintivamente mi sono sentita sulla stessa lunghezza d'onda senza null'altro condividere. In molti ci siamo riconosciuti, ciascuno a suo modo. Il difficile però, credo non sia coglierne l'essenza, ma riuscire a dargli vita nella propria vita.

"Fin dai primi anni della mia giovinezza pensavo che ognuno di noi ha la propria no man's land, in cui è totale padrone di se stesso. C'è una vita a tutti visibile, e ce n'è un'altra che appartiene solo a noi, di cui nessuno sa nulla. Ciò non significa affatto che, dal punto di vista dell'etica, una sia morale e l'altra immorale, o, dal punto di vista della polizia, l'una lecita e l'altra illecita. Semplicemente, l'uomo di tanto in tanto sfugge a qualsiasi controllo, vive nella libertà e nel mistero, da solo o in compagnia di qualcuno, anche soltanto un'ora al giorno, o una sera alla settimana, o un giorno al mese; vive di questa sua vita libera e segreta da una sera (o un giorno) all'altra, e queste ore hanno una loro continuità.
Queste ore possono aggiungere qualcosa alla vita visibile dell'uomo oppure avere un loro significato del tutto autonomo; possono essere felicità, necessità, abitudine, ma sono comunque sempre indispensabili per raddrizzare la linea generale dell'esistenza. Se un uomo non usufruisce di questo suo diritto o ne viene privato da circostanze esterne, un bel giorno scoprirà con stupore che nella vita non s'è mai incontrato con se stesso, e c'è qualcosa di malinconico in questo pensiero. Mi fanno pena le persone che sono sole unicamente nella stanza da bagno, e in nessun altro tempo e luogo. (...)
In questa no man's land dove l'uomo vive nella libertà e nel mistero possono accadere strane cose, si possono incontrare altri esseri simili, si può leggere o capire un libro con particolare intensità, o ascoltare musica in modo anch'esso inconsueto, oppure nel silenzio e nella solitudine può nascere il pensiero che in seguito ti cambierà la vita, che porterà alla rovina o alla salvezza."
(Il Giunco Mormorante - Nina Berberova - Adelphi)

lunedì 31 agosto 2009

Rosabella su...mangialibri.com!!!!

Eccola di nuovo...ancora e sempre Lei!!!!!!
www.mangialibri.com
Lo so...ormai vi sarete abituati a vederla saltellare qua e là...per me, sinceramente, è sempre una sorpresa!!!!!

Forza Rosabella.......corri, corri lontano............ :)

martedì 25 agosto 2009

Rosabella su Andersen!!!

E al rientro dalle vacanze, brevissime ma meravigliose, ancora una sorpresa...Rosabella non si ferma mai!!!!
Questa volta è finita su Andersen.
Leggete qua!!!
(Andersen n.261 - Agosto 2009)

sabato 8 agosto 2009

Rosabella alla radio!!!


Ebbene sì, dopo essere uscita dalla penna di Fulvia e rimasta sul mio tavolo per mesi, sabato scorso Rosabella ha deciso di fare un salto a Radio24 ospite di Questa casa non è un albergo (grazie Fulvia per la segnalazione e il link...oltre che per tutto il resto!!!).
Ve lo comunico con una settimana di ritardo ma come si dice...meglio tardi che mai. E Rosabella di ritardi ne sa qualcosa!!!! ;)))

I Capricci di Rosabella
Il Gioco di Leggere Edizioni
Autore: Fulvia Degl'Innocenti
Illustratore: Francesca Carabelli

Mon Atelier...



Test:
a) Chi di voi si è accorto che c'è un divano in mansarda?
b) Se sì, chi di voi è mai riuscito ad utilizzarlo per sedercisi su?

venerdì 7 agosto 2009

CD Collection


In questo ultimo anno ho lavorato alle copertine per una collezione di Cd musicali per bambini, editore Eveil et Découvertes.
Uno dei lavori più divertenti (ogni tanto capita!) che potessero propormi!!
La cosa interessante è stata mettere in pratica "l'ascolto ispirativo", termine (terribile mi rendo conto) che conio in questo momento semplicemente per descrivere il metodo di lavoro che ho seguito. Credo non sia poi così originale, ma piuttosto comune per chi fa il mio mestiere e ha la fortuna di imbattersi in questo genere di proposte.
Fantastico trovare la chiave (o forse sarebbe più appropriato dire la nota?!) giusta ascoltando Pierino e il lupo di Prokofiev o i passi dei leoni, dei galli, delle galline, dei canguri, del cigno di Saint-Saëns.
In onore alla precisione (che non è il mio forte, eccezion fatta quando si parla di lavoro se escludiamo, ovvio, la puntualità nelle consegne) ecco tutti i dettagli relativi alle registrazioni.

Pierre et le Loup
Instrumentation : Version Chantée
Editions : Eveil et Découvertes
Illustration: Francesca Carabelli
Description : Un CD avec l’enregistrement mythique de pierre et le loup par Gérard Philipe, chef d’œuvre absolue de la musique pour enfants mais fort agréable à tout âge. Un conte musical pour petits et grands dont le compositeur Sergueï Prokofiev écrivit le texte et composa la musique en 1936. Un travail studio de remastering a été réalisé afin de proposer une qualité au standard actuel.

Le Carnaval des Animaux
Instrumentation : Version Chantée
Editions : Eveil et Découvertes
Compositeur: Camille Saint-Saëns
Textes: Francis Blanche
Récité par: Claude Dauphin
Orchestre: André Kostelanetz
Illustration: Francesca Carabelli
Description : Le Carnaval des animaux est une suite musicale en 14 tableaux composée par Camille Saint-Saëns en février 1886. Francis Blanche a écrit de courts textes pouvant être lu par un récitant lors de l’exécution. Une oeuvre musicale qu’on ne présente plus accompagnée des jeux de mots de l’humoriste. Un classique qui ravira petits et grands,

L'Histoire de Babar
Editions: Eveil et Découvertes
Illustration: Francesca Carabelli
Musique: Francis Poulenc
Textes: Jean Brunhoff

Piccolo, Saxo et Compagnie
Editions: Eveil et Découvertes
Illustration: Francesca Carabelli
Artiste: Jean Broussole - André Popp
Compositeur: Various Artists

Le Petit Prince
Editions: Eveil et Découvertes
Illustration: Francesca Carabelli
Description: Eveil et Découvertes propose l’édition originale de l’inoubliable Petit Prince de Saint-Exupéry, conté par Gérard Philipe. Une fabuleuse histoire servie par un acteur magistral, et qui a marqué des générations d’enfants.

Questo il link al sito fnac dove è possibile reperire i Cd.

Un grazie particolare a Rémi Guichard, che mi ha proposto il progetto (sopportando direi con certosina pazienza i miei ritardi).
Un merci particulier à Rémi Guichard, qui m'a proposé le projet (et supporté avec patience mes retards).

giovedì 6 agosto 2009

"Bauci"


Dopo aver marciato sette giorni attraverso boscaglie, chi va a Bauci non riesce a vederla ed è arrivato. I sottili trampoli che s'alzano dal suolo a gran distanza l'uno dall'altro e si perdono sopra le nubi sostengono la città. Ci si sale con scalette. A terra gli abitanti si mostrano di rado: hanno già tutto l'occorrente lassù e preferiscono non scendere. Nulla della città tocca il suolo tranne quelle lunghe gambe da fenicottero a cui si appoggia e, nelle giornate luminose, un'ombra traforata e angolosa che si disegna sul fogliame.
Tre ipotesi si dànno sugli abitanti di Bauci: che odino la Terra; che la rispettino al punto d'evitare ogni contatto; che la amino com'era prima di loro e con cannocchiali e telescopi puntati in giù non si stanchino di passarla in rassegna, foglia a foglia, sasso a sasso, formica per formica, contemplando affascinati la propria assenza.
(da Le città invisibili - Italo Calvino)

Mi piace immaginarle come donne queste città oniriche, simboliche, surreali, poetiche.
Forse un giorno completerò il progetto...

mercoledì 5 agosto 2009

"I libri della vita" di Gabriele Salvatores

"I libri sono un problema. Come le persone. E la vita. Uno splendido, affascinante problema che non puoi fare a meno di affrontare, ma comunque un problema... Per prima cosa non potrai mai conoscerli tutti. A volte poi, li incontri nel momento sbagliato. Può anche capitarti di non incontrare mai quello che era fatto per te.
In ogni caso, sia che tu ne trovi uno che ti accompagnerà per tutta la vita, che dormirà accanto a te, che viaggerà con te e ti aiuterà nei momenti difficili, sia che tu ti imbatta in un altro che ti aveva solo affascinato per l'aspetto esterno e che, una volta spogliato dal suo vestitino di cellophane, si rivelerà vuoto ed inutile, in ogni caso lasceranno una traccia dentro di te.
E, come in amore, ti può succedere che, in un momento particolare della tua vita, tu incontri un libro che magari non è il più bello, il più profondo, il più affasciante e ricco, ma che è assolutamente giusto e importante per te in quel preciso momento. E questo incontro può cambiarti la vita.
Io avevo vent'anni, i capelli lunghi, ero iscritto a Giurisprudenza, ma suonavo in un gruppo e volevo fare teatro: ero indeciso se essere inquieto o seguire la strada che sembrava essere stata fatta per me. È stato un giorno di primavera del 1970, il giorno in cui ho incontrato On the road di Jack Kerouac.
Quel libro sembrava conoscermi, sembrava essere a conoscenza dei miei desideri e delle mie paure. Ci siamo capiti in un attimo, era come se ci fossimo già incontrati in una vita precedente. E del resto l'inquietudine, il romanticismo, il senso dell'amicizia, il desiderio di vita e di ricerca che quel libro contiene fanno parte dell'uomo in ogni epoca e in ogni latitudine...
Guido, io vorrei che tu e Lapo ed io fossimo presi per incantamento e porti in un vascel che ad ogni vento per mare andasse a voler vostro e mio, scriveva qualcuno molti anni prima di Kerouac, qui in Italia. Chatwin ha descritto molto bene l'istinto nomade che c'è in ogni uomo (e si può essere nomadi con l'anima anche restando chiusi in casa). La vita è come un ponte: attraversalo ma non costruirci mai una casa sopra, dice un antico proverbio indiano.
In quel giorno di primavera di 28 anni fa, Sulla strada si è presentato a me ricco di promesse, di conferme e di idee per il futuro. Ho lasciato Giurisrudenza e mi sono iscritto a Lettere, ho continuato a suonare, i capelli sono diventati ancora più lunghi e ho cominciato a fare teatro e a confondere il giorno con la notte...
Forse senza Keruac, oggi sarei un avvocato! So che non è il più bello, non il più colto, non il più originale, ma, come le persone (a volte) e la vita (quasi sempre) mi ha fatto innamorare.
E l'amore ti fa fare cose che non avresti mai pensato di fare."
(da Segnalibro - anno IV n.2 Marzo/Aprile 1999)

Conservo questo articolo sulla mia libreria dal 1999.
Ci sono giorni come oggi, talmente speciali nella loro normalità, in cui la matassa dei pensieri improvvisamente e senza motivo si sbroglia.
È a
llora che questo foglio ormai ingiallito mi chiama e torno a leggere le parole di Salvatores, contenta di averle conservate.
I libri, tutto nella mia vita è stato ed è scandito dai libri...